5 buoni motivi per mangiare cioccolato… non solo a Pasqua!

I Maya lo consideravano “il cibo degli dei”, e forse lo è davvero. Ricavato dai semi dell’albero del cacao, viene consumato in tutto il mondo. Tutti sappiamo del suo potere afrodisiaco, ma a parte questo, quanto sappiamo davvero su questo cibo che tanto adoriamo? E perché dovremmo mangiarlo anche più spesso?

Oltre ai Maya che furono i primi a coltivare la pianta di cacao nelle terre dello Yucatàn, più tardi nel corso della storia fu proprio Cristoforo Colombo il primo europeo ad assaggiare il cacao nel lontano 1502, durante il suo quarto viaggio nelle Americhe. Il primo carico di cioccolato verso il continente europeo si fa risalire al 1585. Da qui esso conobbe la fama che possiede ancora oggi, soprattutto in seguito a diversi sviluppi della sua preparazione, dai semi grezzi del cacao, alla miscelazione ed alla preparazione vera e propria del cioccolato . Fu proprio in Europa che venne anche inventata la prima tavoletta di cioccolato, da Francois-Louis Cailler. Mentre invece il latte nel processo di produzione venne introdotto solo nel 1875, quando questa variante venne poi immessa sul mercato per la prima volta.

Come tutti sappiamo, oltre che creare dipendenza, la famosa “dipendenza da cioccolato” cui tutti, almeno una volta nella vita siamo stati vittima (io inclusa), il cioccolato possiede poteri straordinari. Quello fondente, quindi con una percentuale pari almeno al 70%, contiene molte proprietà che faranno ricredere anche i più scettici. Insomma, nella vita ci si deve concedere qualche piacere, e se fa anche bene al nostro corpo, tanto di guadagnato. Come si dice, per “unire l’utile al dilettevole”, ecco 5 motivi per cui dovremmo mangiare cioccolato (anche più spesso):

  1. Il cioccolato fa bene al cuore, uno studio condotto dall’università della California confermerebbe che il cioccolato amaro è ricco di una sostanza che agisce sulle fibre muscolari del cuore, l’epicatechina, e questo permetterebbe alle arterie di mantenersi flessibili. In questo modo le nostre arterie rimangono dilatate e consente al cuore di proteggersi da infarti.
  2. È un antidepressivo, svolgendo una azione eccitante nel nostro cervello grazie alla produzione di serotonina, il cioccolato regola la produzione di questo ormone “del buonumore” che, se carente, rischia appunto di provocare stati depressivi. Ecco perché chi mangia cioccolato è più felice!
  3. Allunga la vita, su questo ci hanno lavorato dei ricercatori olandesi, ed hanno constatato che, su un campione di ben 470 uomini, quelli che consumavamo cioccolato fondente avevano un tasso di mortalità inferiore, in quanto avevano valori arteriosi inferiori e quindi si abbassava il rischio di infarto o ictus.
  4. Migliora il nostro apprendimento, in quanto è ricco di flavonoidi, ovvero dei composti chimici naturali contenuti in moltissimi cibi (agrumi, mele, albicocche, te verde) e sono dei potenti antiossidanti, insieme alle catechine, combattono anche i radicali liberi e contrastano lo stress. Inoltre, secondo alcuni scienziati, l’afflusso sanguigno al cervello sarebbe in grado di renderci più attivi e ricettivi. Quindi una buonissima ragione per accompagnare le nostre giornate di studio con della buona cioccolata, in particolare adesso che si avvicinano gli esami…
  5. Antibatterico naturale, questo è l’aspetto che non ti aspetti! Ebbene si, il cacao protegge i denti dalla carie. Contenendo antibatterici naturali, sarebbe in grado di contrastare la proliferazione dei batteri che causano carie. Attenzione però : solo una percentuale superiore all’80% ha questo effetto!

Melania Rinaldi

Precedente Intervista a Greta Valeri, autrice del romanzo "Il manuale della perfetta principessa". Successivo La favola di due principi azzurri, la recensione di “Jamie” di A.S. Kelly.