Acqua micellare: caratteristiche e benefici.

L’acqua micellare è un prodotto adatto alla cura del viso, utilizzato oggi da molte donne. Nello specifico, essa viene impiegata soprattutto per rimuovere il trucco in maniera completa ed allo stesso tempo per idratare e detergere il volto.

Questo prodotto, molto ricercato ed apprezzato date le sue potenzialità, e soprattutto per la sua facilità di applicazione e uso (non è necessario, infatti, lavare il viso dopo l’utilizzo anche perché non lascia la sensazione di pelle che tira), è facilmente reperibile in commercio: lo si può acquistare, infatti, al supermercato, nei principali negozi di cosmetici, in farmacia ed anche online. In passato, prima che ne venisse allestita una diffusa campagna pubblicitaria, l’acqua micellare veniva impiegata soprattutto da modelle e da attrici, le quali erano costrette a cambiare molto frequentemente il proprio make up nel corso della giornata. Oggi, invece, grazie anche ad un notevole abbassamento del prezzo sul mercato, il prodotto si è diffuso in maniera più ampia. Ne esistono inoltre numerose tipologie, ognuna delle quali si adatta meglio ad un diverso tipo di pelle: normale, secca, sensibile, grassa. Vediamo insieme ora nel dettaglio quali sono le sue caratteristiche ed il suo funzionamento. Al momento dell’applicazione, le micelle contenute nel liquido si legano con i grassi e le impurità del viso, rompendosi, fino a rimuovere questi ultimi ed a rinfrescare completamente la pelle. Si tratta di un prodotto efficace e molto delicato, in quanto non contiene alcool, oli, saponi oppure schiume particolari ed aggressive: per questo motivo, non causando irritazioni, è applicabile su ogni parte del viso ed è altamente consigliata a coloro che hanno una pelle delicata e facilmente soggetta ad irritazioni. Inoltre, dato che deterge il volto e ne pulisce i pori in profondità, l’acqua micellare permette un ottimale assorbimento da parte della pelle di altri prodotti nutrienti che potrebbero essere applicati in una fase successiva.

Marika Sauria

Precedente Malattia, quando e come parlarne Successivo "Fiori sopra l'inferno", la recensione del thriller di Ilaria Tuti