Black mask per il viso: proprietà benefiche e ricetta per il “fai da te”.

Il carbone vegetale è una sostanza naturale che si ottiene, mediante alcuni passaggi e trasformazioni, dalla combustione di legname di vario tipo (ad esempio: pioppo, salice, betulla e pino). Questo elemento è ricco di proprietà antibatteriche ed antimicotiche. Si tratta di un prodotto noto per i suoi molteplici utilizzi, tra i quali la preparazione di efficaci maschere per il viso, note appunto per il loro colore nero (data questa ragione, sono denominate anche “Black mask”). Si sente molto parlare di queste ultime, sia per la loro particolarità che per i loro numerosi effetti benefici: la maschera al carbone vegetale, infatti, ha un potente potere disinfettante, in quanto assorbe il sebo e purifica la pelle, ed è in grado di donare luminosità al viso. Inoltre, a differenza di altre maschere (tra cui quella di argilla) non lascia la sensazione di pelle che tira.

Queste maschere al carbone vegetale sono facilmente reperibili in commercio. In alternativa, potrete preparare a casa vostra una maschera “fai da te” (prestando attenzione ad utilizzare ingredienti sicuri per la pelle) in pochi e semplici passaggi: vi occorreranno 2 cucchiai di latte, 3 pastiglie di carbone vegetale ed alcuni fogli di gelatina per dolci. Procedete riscaldando al microonde il latte e nel frattempo riducete in polvere le pasticche. Versate la polvere ottenuta nel latte e, mentre questo è ancora caldo, fate sciogliere i fogli di gelatina, quindi mescolate con cura in modo da togliere i grumi. Una volta raffreddata, applicate la maschera sul vostro viso, focalizzandovi sui punti critici, e rimuovetela solo dopo che saranno passati 20/30 minuti: la pelle risulterà liscia, luminosa e rinvigorita (vi consigliamo, prima dell’applicazione, di mettere la pelle a contatto con fonti di calore, in modo che i pori possano dilatarsi e quindi le impurità fuoriescano meglio).

 

Marika Sauria

Precedente La recensione di "Milk and Honey" di Rupi Kaur , fenomeno editoriale mondiale Successivo Recensione de "Il fasciocomunista" di Antonio Pennacchi.

Lascia un commento

*