Capelli: come proteggerli al meglio dal freddo invernale.

Potrebbe sembrare scontato, ma con l’arrivo dell’inverno e quindi delle temperature più rigide, occorre prestare attenzione alla salute dei nostri capelli. Spesso, questo aspetto della cura del corpo viene sottovalutato, ma lo stress termico e gli sbalzi climatici mettono realmente a dura prova la funzione di barriera protettiva che il cuoio capelluto esercita. Analizziamo ora quelli che sono i maggiori fattori di rischio. Come accennato in precedenza, gli sbalzi termici potrebbero essere un elemento molto nocivo: l’aria eccessivamente fredda e secca, infatti, potrebbe disidratare i capelli (per questa ragione, sarebbe opportuno utilizzare prodotti in grado di idratare a fondo il cuoio capelluto). Per proteggere i capelli dal freddo, inoltre, sarebbe bene indossare un cappello (prestando attenzione, però, a non sudare): i copricapi devono essere utilizzati infatti solo all’aperto e per il tempo strettamente necessario, altrimenti sarebbe limitata l’ossigenazione e sarebbero facilmente generate delle irritazioni. Nonostante in inverno percepire aria calda sulla propria pelle possa essere piacevole, non bisogna fare utilizzo troppo prolungato (più di quanto necessario) di apparecchiature come il phon: potrebbe risentirne, infatti, l’equilibrio del cuoio capelluto, con una conseguente formazione, ad esempio, di forfora. Anche in questa stagione, inoltre, è importante mantenere una corretta idratazione cutanea e corporea: sebbene lo stimolo della sete non sia così frequente come durante l’estate, è utile bere regolarmente (i capelli, in caso contrario, potrebbero apparire secchi, danneggiati e si potrebbe avvertire un fastidioso prurito al cuoio capelluto).

Per mantenere i propri capelli al meglio, quindi, durante l’inverno non sempre è sufficiente lavarli con cura: potrete, in aggiunta ai nostri consigli, effettuare impacchi nutrienti ed idratanti (ad esempio, con caffeina, glicerina ed olio di oliva), oppure maschere (con olio di jojoba oppure a base di camomilla o lavanda) e massaggi revitalizzanti. In caso di carenze, utilizzate inoltre degli specifici integratori (i più comuni sono a base di zinco e vitamina H), che potrete trovare comodamente in farmacia ed anche in molti supermercati, ricchi di sostanze rinforzanti e protettive che contribuiscono al benessere di capelli deboli e fragili.

 

Marika Sauria

Precedente La recensione del thriller "Conta fino a dieci" di Paolo Cammilli Successivo Corpo, movimento, struttura. Il gioiello contemporaneo e la sua costruzione