Crema per le mani: perché utilizzarla e come sceglierla.

Tutti sappiamo che è importante prendersi cura del proprio corpo. Oggi parleremo di un prodotto molto impiegato, ovvero la crema per le mani. Si tratta di un articolo utilizzato quotidianamente, soprattutto dalle donne ma non solo, e molto diffuso in commercio: ne esistono davvero moltissime tipologie, dotate di altrettante caratteristiche, proprietà e tipi di confezionamento. È importante, in particolar modo in questo periodo dell’anno, proteggere le mani dal freddo, idratandole accuratamente: la loro pelle, infatti, è continuamente esposta ad agenti e sostanze che la possono seccare notevolmente (freddo, lavaggi frequenti, detersivi).

L’ingrediente principale delle creme per le mani è l’acqua. Oltre ad essa, questi prodotti possono contenere: sostanze di origine vegetale (burro di karité, olio di mandorla, olio di cocco, olio di avocado), minerale, prodotti di sintesi, glicerina, urea, vitamine antiossidanti, pantenolo ed altro ancora. Nonostante le creme presenti sul mercato siano, nella maggior parte dei casi, quasi tutte in grado di idratare correttamente la nostra pelle, esistono alcuni ingredienti a cui prestare attenzione (motivo per il quale vi consigliamo di leggere bene le etichette prima di acquistare un prodotto): occorre evitare, ad esempio, elementi allergizzanti (dannosi per coloro che hanno una pelle particolarmente reattiva e sensibile),  interferenti endocrini, paraffina, siliconi ed altri derivati del petrolio.

La crema da utilizzare, quindi, può essere scelta in base ai propri gusti personali su consistenza e profumazione, ma è importante evitare ingredienti potenzialmente pericolosi. Per proteggere ed idratare in maniera corretta le proprie mani, sarebbe però ancora meglio utilizzare prodotti a base di elementi naturali come oli vegetali, glicerina, burro di karité ed aloe vera (ne esistono davvero molti, sia creati dalle grandi case cosmetiche, sia artigianali): essi, infatti, oltre a non creare danni, proteggono e nutrono la pelle in maniera completa.

 

Marika Sauria

Precedente “Castigo di Dio”: Marcello Introna racconta la storia di una Bari "amara". Successivo "Un dono speciale di nome Bob" ovvero, come un animale può salvarci la vita.