Dynasty : un remake stellare!

Dynasty voci di fondoAppassionati di serie tv riunitevi! I Telefilm-addicted sicuramente ne hanno già sentito parlare di questo incredibile remake di questa serie cult statunitense, ma se ciò non fosse successo allora mettetevi comodi e leggete fino in fondo.

Negli anni 80, più precisamente nel 1981, andava in onda per la prima volta sul network statunitense ABC una soap opera intitolata “Dynasty”, che ebbe una fortuna tale da contare ben nove stagioni, per un totale di  220 episodi. Incentrando le vicende sulle faide tra due famiglie potenti, i Carrington ed i Colby, la trama prende libera ispirazione da quella che era la stessa rivalità tra i Montecchi e Capuleti in “Romeo e Giulietta”. La nuova versione è invece approdata sugli schermi americani l’11 ottobre 2017 sulla rete The CW, ed è attualmente su Netflix, dove i primi 15 episodi sono già disponibili. La serie conta un totale di 22 episodi, che vengono trasmessi ogni fine settimana direttamente su Netflix.

Ovviamente tra la serie originale e quella attuale ci sono delle differenze e in primo luogo l’ambientazione: negli anni 80 ci troviamo a Denver, in Colorado, mentre ora siamo in una moderna e dinamica Atlanta.

La vicenda, come si vede già dal primo episodio, vede protagonista il patriarca della famiglia Carrington, Blake Carrington, e il suo matrimonio con l’ ex-segretaria, Krystle. Seguendo questa traccia si delinea anche l’episodio pilota in chiave moderna di questa soap di successo, quando una brillante e  giovane donna in carriera, nonché figlia stessa di Blake Carrington, Fallon, scopre che il padre è impegnato in una relazione con la sua segretaria. Indignata anche per il fatto che il padre abbia dato alla neo moglie il posto di CEO nella loro azienda, che tra l’altro controlla mezza Atalanta, la Carrington Atlantic, Fallon decide di mettersi in affari con il loro acerrimo nemico, Colby.

Ricca  di complotti per mantenere il potere della famiglia e contro l’ostilità dei Colby, i primi episodi di questa frizzante soap vedono un focus sulla nuova signora Carrington, che nel 2017 si chiama Cristal, e sul suo passato oscuro: dall’arrivo di suo nipote dal Venezuela, al rapimento di Fallon ed a un tentato omicidio. Le storyline dei personaggi sono bene o male fedeli a quelle degli anni 80, ma le differenze più lampanti sono nei personaggi di Fallon e Cristal, in quanto nella produzione originale Fallon Carrington è una dolce ragazza devota alla sua famiglia, mentre adesso è una giovane pretenziosa e di forte carattere che si contende con la matrigna l’attenzione del padre. D’altro canto Cristal, che nella versione 2.0 è fuggita dal Venezuela per costruirsi una vita migliore, deve provare di non essere “a caccia di oro”, ma al contrario profondamente devota alla famiglia Carrington (caratteristica presente anche nella serie originale). Altro cambiamento di personaggio è stato il nipote di Cristal, che negli anni 80 era una ragazza, Samantha, mentre ora abbiamo un ragazzo di nome Sammy Jo. Altro punto che sta creando abbastanza dubbi il fatto che, almeno per ora, non sia presente il personaggio di Alexis Carrington, madre di Fallon e Steven Carrington: nella versione del 2017 viene solo citata. Insomma, una classica soap americana che pone al centro faide di potere e di famiglia, complotti e sventati omicidi, che vi terrà incollati allo schermo. Almeno per quei 40 minuti di episodio.

Melania Rinaldi

Precedente Recensione di “Osservatore oscuro” di Barbara Baraldi.  Successivo "Harry Potter e la pietra filosofale", quando la magia supera i confini dell'immaginario.