Emma Watson, la Belle della vita reale che promuove la lettura

Oggi parliamo di Emma Watson. La stiamo vedendo in questi giorni sul grande schermo nei panni di Belle, la protagonista de “La Bella e la Bestia”, il nuovo live-action Disney. Che sia stata o meno la scelta giusta in quanto a doti canore o somiglianza rispetto al personaggio originale questo è un giudizio che lasciamo a voi, c’è tuttavia un punto che mette d’accordo tutti quanti quando si dice che “Emma Watson è una Belle nella realtà dei nostri giorni”, ossia il fatto che entrambe condividano una passione folle per la letteratura, che leggano molti libri all’anno e che vorrebbero condividere i valori della cultura al maggior numero di persone possibili.

Emma Watson non perde già da qualche tempo occasione per infondere la voglia di leggere a chiunque incontri, anche solo virtualmente o “segretamente”: ha lanciato una sua piattaforma online “Our shared shelf” che funge da club del libro femminista, in cui invita i passanti o i partecipanti a condividere le loro letture, a proporre suggerimenti, discussioni e riflessioni, alle quali spesso partecipa in prima persona. Non solo, da fine anno scorso nasconde nelle stazioni della metro (fino ad ora lo ha fatto a Londra e a New York) dei libri, una sorta di bookcrossing, una caccia al tesoro segreta, e di tesoro si parla non a caso, perché tutti i testi hanno al loro interno una dedica e un autografo di Emma Watson. Li posiziona ovunque in modo tale che chiunque li trovi possa leggerli durante il tragitto: spesso i titoli proposti coincidono con quelli citati nel suo sito, come ad esempio “Mom & me & Mom” di Maya Angelou.

L’attrice compie queste azioni in collaborazione con l’associazione “Books on the undergroud”, che promuove la lettura tra i pendolari per potersi intrattenere durante gli spostamenti, con la speranza che una volta ultimati vengano riposizionati nella metro, formando in questo modo una catena di lettori costante. Questo ha attirato grande attenzione sull’associazione e sulle sue campagne sociali, un ambito particolarmente caro all’attrice, che è anche ambasciatrice dell’ONU, sostenitrice di Eco-Age (Un’associazione inglese che promuove una moda ecosostenibile ) e dei diritti delle donne. L’iniziativa sta avendo parecchio successo e non sarebbe sbagliato promuoverla in ogni metro del mondo, non solo per rendere piacevoli i viaggi sui mezzi spesso noiosi o trascorsi con lo sguardo fisso sul telefono, ma anche e soprattutto per promuovere la lettura, che negli ultimi tempi viene considerata inutile o superficiale. E non si sa mai che a trovare uno di questi libri preziosi siate proprio voi … Sarà il caso di iniziare a guardarsi intorno dunque, un tesoro inaspettato potrebbe nascondersi nei vostri paraggi più immediati!

Angelica Corà  

Precedente "Anima Nera" di Stefano Milighetti, una scossa di soffocante adrenalina Successivo Perché mangiare il radicchio fa bene?