Gli effetti positivi della musica

La musica, si sa, ci tiene compagnia in molti momenti della nostra giornata. La ascoltiamo alla radio quando siamo in macchina, oppure attraverso un paio di cuffie mentre ci stiamo recando da qualche parte, o ancora nelle nostre case durante un momento di relax. Oltre che essere piacevole, però, la musica ha anche qualche utilità?

La risposta è affermativa: numerose ricerche scientifiche, infatti, hanno rivelato i molteplici effetti positivi che la musica ha su corpo, mente e spirito. Vediamone alcuni. La musica può influire sul battito cardiaco, sulla pressione sanguigna, sulla respirazione e sul livello di alcuni ormoni (in particolare quello dello stress). Ha la capacità di lenire il dolore cronico e viene utilizzata nel trattamento di alcune malattie per controllare la sofferenza e favorire il rilassamento (ciò è dovuto al superiore rilascio di endorfine provocato dall’ascolto di suoni piacevoli).

Secondo una ricerca della US National Library of Medicine, la musica è inoltre in grado di aumentare le prestazioni degli allenamenti fisici; infatti, contribuisce a distrarre la mente dalla sensazione di fatica, alza la soglia di resistenza e migliora la coordinazione. Non solo piacere, quindi, ma anche numerosi effetti positivi sul nostro organismo e sui diversi processi neurologici. Forse è anche per questo che la musica viene definita da molti una “droga buona”.

Marika Sauria 

Precedente L'autore del mese: "Lamento di Portnoy" di Philip Roth, geniale e meravigliosamente ripugante Successivo Sapori d'Italia: fusilli alla crema di carciofi