Insonnia: cause, conseguenze e rimedi

Venerdì 16 marzo ricorrerà il World Sleep Day, ovvero la giornata mondiale del sonno. Nel nostro paese, sono circa 9 milioni le persone che soffrono di insonnia cronica, mentre il 45% della popolazione soffre di insonnia acuta o transitoria. Gli studi che sono stati condotti su questo tipo di disturbo, hanno individuato tra le cause principali ansia, stress e tensioni quotidiane, ma anche cattive abitudini di sonno, abuso di sostanze eccitanti, particolari disturbi fisici e condizioni patologiche. Spesso, la mancanza di un riposo corretto può costituire una vera e propria fonte di disagio. Essa, infatti, può provocare una forma di stanchezza cronica, oltre che un’instabilità emotiva ed un’eccessiva reattività agli stress.

Fortunatamente, esistono diversi tipi di rimedi a questo problema: vediamone insieme alcuni. Tra le soluzioni più comuni e diffuse, ci sono le tisane rilassanti che possono essere preparate e bevute prima di andare a dormire (ad esempio, a base di camomilla, valeriana, melissa, passiflora oppure tiglio), magari accompagnate dalla lettura di un buon libro. Un corretto riposo può essere conciliato anche dalla creazione di un’atmosfera tranquilla e accogliente: a questo scopo, è opportuno utilizzare un materasso e degli indumenti comodi ed isolare il più possibile la stanza dai rumori esterni. Bisognerebbe, inoltre, evitare il riposo pomeridiano, non coricarsi subito dopo la cena e andare a dormire circa sempre alla stessa ora. Coloro che soffrono di insonnia potrebbero usufruire anche del MBSR (Mindfulness Based Stress Reduction): si tratta di un sistema orientale, nato secoli fa, basato sulla meditazione.

Secondo questa teoria, fondata sull’idea che sia importante staccare la spina dalle attività quotidiane e lasciare andare i pensieri, bisogna interrompere ciò che si sta facendo e concentrare quindi tutta la propria attenzione sul respiro: solo in questo modo, la mente sarebbe in grado di scivolare in maniera lenta e naturale in una condizione di riposo profondo.

Marika Sauria 

Precedente Recensione di "Follia maggiore", il nuovo giallo di Alessandro Robecchi. Successivo A Milano "I Boreali", il festival dedicato alla letteratura nord-europea.