La recensione di “Aurora nel buio” di Barbara Baraldi

 

  • Autore: Barbara Baraldi
  • Titolo: Aurora nel buio
  • Genere: Thriller
  • Edizione: Giunti editore
  • Anno: 2017
  • Pagine: 528

 

Sinossi: Aurora Scalviati era la migliore, fino al giorno di quel conflitto a fuoco, quando un proiettile ha raggiunto la sua testa. Da allora, la più brava profiler della polizia italiana soffre di un disturbo bipolare che cerca di dominare attraverso i farmaci e le sedute clandestine di una terapia da molti considerata barbara: l’elettroshock. Quando per motivi disciplinari Aurora viene trasferita in una tranquilla cittadina dell’Emilia, si trova di fronte a uno scenario diverso da come lo immaginava. Proprio la notte del suo arrivo, una donna viene uccisa. Il marito è scomparso e l’assassino ha rapito la loro bambina, Aprile, di nove anni. Su una parete della casa, una scritta tracciata col sangue della vittima: ”Tu non farai alcun male”. Aurora è certa che si tratti dell’opera di un killer che ha già ucciso in passato e che quella scritta sia un indizio che può condurre alla bimba, una specie di ultimatum… Ma nessuno la ascolta. Presto Aurora capirà di dover agire al di fuori delle regole, perché solo fidandosi del proprio intuito potrà dissipare la coltre di nebbia che avvolge ogni cosa. Solo affrontando i demoni della propria mente potrà salvare la piccola Aprile ed evitare nuove morti…

Recensione: Ho conosciuto la Baraldi leggendo tutto d’un fiato la saga di Scarlett e alcuni suoi saggi, così non appena ho saputo che era uscito il suo ultimo romanzo non ho perso tempo e l’ho comprato subito. Aurora nel buio è uno thriller davvero ben fatto!

La storia è avvincete e ben articolata, nulla è lasciato al caso e ogni capitolo si chiude sempre sul più bello, creando quella suspense che ti spinge a leggere il libro pagina dopo pagina, in un sol giorno. Il romanzo ti cattura subito dalle prime pagine, perché intono all’omicidio si sviluppano una serie di colpi di scena che portano alla luce storie e leggende (dal tratto quasi horror) del passato e che servono a risolvere e a capire cosa sia successo quella notte a Sparvara. Aurora è una ragazza forte poiché nonostante una vita difficile (un proiettile in testa e un fidanzato ucciso) riesce a rialzarsi e a continuare la sua vita. Infatti non ha paura di tornare a indagare per scoprire la verità e così darà tutta se stessa per salvare la piccola Aprile. Accanto però all’azione e alle indagini si sviluppa una storia d’amore, fiducia e rispetto tra la protagonista e Colasanti, che sarà fondamentale per far sì che ci sia il lieto fine, anche se bisogna ricordare che “Nessuno può uccidere il lupo cattivo”. Questa frase finale mi lascia pensare forse ad un seguito, ma lo sapremo solo aspettando e continuando a seguire la Baraldi.

 

Marilena De Angelis

Precedente E se Robert Stevenson incontrasse Karl Marx? Piacere, Tyler Durden! Successivo Mali di stagione: i migliori rimedi contro il mal di gola