Come organizzare la nostra musica in una playlist perfetta!  

Grazie a internet oggi siamo in grado di ascoltare la nostra musica preferita ogni volta che vogliamo: non abbiamo il vincolo di portare il cd con noi perché anche solo dal cellulare possiamo ascoltare in streaming un numero infinito di canzoni. E non solo: oltre che ascoltare in loop il nostro album preferito, possiamo anche scoprire nuova musica e nuovi artisti. Sistemare tutta la nostra musica in una sola playlist può essere complicato, in quanto anche il genere di musica che ascoltiamo è sicuramente influenzato dal nostro mood; ci sono momenti in cui preferiamo ascoltare qualcosa di calmo e tranquillo, magari mentre siamo seduti sul divano a sorseggiare una tisana calda e vogliamo solo rilassarci. Altre volte invece abbiamo bisogno di qualcosa che dia la giusta carica, cerchiamo qualcosa con un ritmo dinamico e che ci dia la giusta energia per affrontare la giornata o quella sessione di palestra che ci siamo ripromessi di fare ancora dopo le abbuffate di natale.

La musica è una parte essenziale della nostra vita, infatti, molto spesso tendiamo anche ad associare delle canzoni ad alcuni avvenimenti, così da ricordarli anche a distanza di anni.  Quante volte capita di mettere una canzone che immediatamente evoca un ricordo? Quindi, oltre ad essere una questione di umore, la musica tendiamo anche a dividerla per generi, come la musica rock, pop, classica, latina, jazz,… Insomma creiamo delle categorie che ne rendano anche più facile l’identificazione. Ognuno di noi ha un genere che preferisce rispetto ad altri, e che spesso ci porta ad escludere generi: se abbiamo una grandissima passione per la musica pop, generi come il rock metal potranno non comparire, o difficilmente, tra le nostre top 10. Anche se si tratta di questioni prettamente soggettive, in quanto c’è chi (io mi cito come esempio) possono passare da una canzone di Celine Dion  ad un brano rock nel giro di due nano secondi, o passare dal genere R&B alla musica latina. Chi come me fa questi salti, mi capisce. Per questo motivo mettere insieme una sola playlist risulta pressoché impossibile perché abbiamo troppi generi disparati. A questo proposito mi sono interrogata circa la realizzazione di una playlist che potesse contenere così tanti tipi diversi di musica e sono giunta ad una conclusione: creare una unica grande playlist con le nostre canzoni preferite; se siamo in grado di cambiare genere da un momento all’altro, allora farà così anche la nostra playlist.

  1. Identificare le nostre hits, come primo passo direi che è utilissimo cercare di capire quali sono le nostre canzoni preferite in assoluto, che siano di generi diversi non conta: l’importante è che siano quelle canzoni che non ci stanchiamo mai di ascoltare.
  2. Occasione d’uso, pensiamo anche a quando ascolteremo la nostra playlist, se in macchina, autobus, treno, in palestra, sotto la doccia,… in ognuno dei momenti della nostra giornata sappiamo che avremo le nostre canzoni preferite a portata di orecchio.
  3. App per creare playlist, esistono tantissime app diverse per ogni tipo di dispositivo che aiutano a creare diverse playlist. Una delle più usate è sicuramente Spotify, in cui non solo possiamo creare la nostra playlist, ma possiamo scoprire nuova musica ogni giorno! In base alle nostre preferenze, verrà creato un “release radar” personalizzato che ci indicherà le nuove uscite che potranno interessarci.
  4. Spazio alla musica! Ora che abbiamo creato la playlist con tutte le nostre hits preferite, possiamo anche dare spazio a musica nuova, ma come? Facile: scoprendo sul web nuovi brani, magari ricercando tra un genere in particolare, possiamo scoprire artisti sconosciuti o riscoprire vecchie glorie che ci eravamo persi. Sia mai che anche questi, un giorno, entreranno nei nostri favourites!

Melania Rinaldi 

Precedente Recensione de "Le vite nascoste", il libro di Carlo Dalla Rovere. Successivo Il "Don Giovanni" di Valerio Binasco? Uno spettacolo da non perdere!