Premio Strega 2018: chi sono i dodici finalisti?

Come ogni anno cresce l’attesa per sapere chi sarà il vincitore dell’ambitissimo Premio Strega 2018. Quest’anno, inoltre, il regolamento ha introdotto qualche novità per rendere la sfida ancora più avvincente e la vittoria più equa. Sarà dato più spazio alla piccola e media editoria, ci sarà una raccolta di racconti e il numero di autori e autrici sarà lo stesso in modo da rendere la competizione più corretta possibile. I finalisti in gara sono 12 e la scelta davvero ardua perché anche quest’anno i libri in gara hanno quel qualcosa in più che molti altri non hanno. Il vincitore assoluto, però, sarà solo uno e si scoprirà il 5 luglio 2018.

I finalisti in gara sono 12 e presentano, quest’anno più che mai, racconti davvero interessanti:

1-         Resto qui di Marco Balzanoun racconto di guerra e Resistenza che sfiora gli abissi più profondi dell’animo umano;

2-         Come un giovane uomo di Carlo Carabba, che descrive la crescita e la difficile conquista della maturità di un ragazzo;

3-         La madre di Eva di Silvia Ferreri, un racconto coinvolgente tra madre e figlia che parla della sensualità e dell’accettazione del proprio corpo;

4-         Questa sera è già domani di Lia Levi, una storia livida e cruda sul fascismo e su tutto quello che quel tragico momento storico ha portato con sé;

5-         Sangue giusto di Francesca Melandri è una vicenda familiare che sfida il tema del tradimento, dell’abbandono e del razzismo con occhi nuovi e diversi;

6-         Dal tuo terrazzo si vede casa mia di Elvis Malaj, la prima raccolta di racconti a guadagnarsi un posto allo Strega e lo fa narrando le vicende che avvengono nella striscia di mare che separa l’Italia dall’Albania;

7-         Il figlio prediletto di Angela Nanetti, una storia che mette a confronto due generazioni che si parlano e parlano al mondo di un tema ancora tabù: l’omosessualità;

8-         Il Gioco di Carlo D’Amicis, un intenso intreccio tra tre personaggi raccontato da differenti punti di vista;

9-         La ragazza con la Leica di Helena Janekzec, la storia di Gerda Taro attivista politica tedesca vista attraverso le immagini del suo funerale;

10-   La corsara ritratto di Natalia Ginzburg di Sandra Petrignani, un’intensa biografia di una delle grandi protagoniste della letteratura italiana;

11-   Le stanze dell’addio di Yari Selvetella, la storia di una donna che nel corso della sua vita inciampa nella malattia e viene strappata alla vita, ma non all’affetto dei cari che la ricordano in ogni luogo dove ha vissuto;

12-   Anni luce di Andrea Pomella è un racconto emozionante e struggente che parla di amore, amicizia e vita vissuta sul sottofondo delle note di Ten dei pearl Jam.

La scelta come ogni anno è davvero ardua e il primo step, in programma il 13 giugno, ridurrà a 5 il numero dei partecipanti. Con una scelta così ampia e libri così profondi non si può che augurarsi che vinca il migliore! Voi che aspettate? Correte a comprarli!

 

Serena Cerrone

Precedente Recensione di “Slater Brothers series” di L.A. Casey. Successivo Gemma & Giorgio: la storia infinita?

Lascia un commento

*