Real Appeal, il servizio per affittare finti amici per i selfie di gruppo

I social network sono diventati parte integrante delle nostre vite: può sembrare una frase banale eppure non è così. Basta scorrere la home dei vari Facebook e Instagram per capire che oramai sentiamo l’esigenza di postare qualsiasi cosa ci accade durante la giornata. Anche se qualcuno giura di trascorrere pochissimo tempo sulle piattaforme social, per la maggior parte delle persone non è così e pian piano si entra a far parte di un mondo fatto di finzione, dove si fa a gara per chi ha la vita più felice.

Una vita che però sembra essere felice solo all’apparenza, a dimostrarlo i vari siti che stanno nascendo dove è possibile “affittare” falsi amici. Tra questi Real Appeal, creato dalla società giapponese Family Romance, un servizio online che permette, appunto, di noleggiare fake friends che correranno in vostro soccorso per scattare i selfie di gruppo, i cosiddetti groufie.

In questo modo, se sentite l’esigenza di condividere sui vostri social ciò che state facendo ma non volete apparire soli, basterà collegarsi sul sito dove, sfogliando un vero e proprio catalogo, potrete scegliere “l’amico” che fa più al caso vostro in base a sesso, età e aspetto fisico. Il prezzo è di circa 32 euro l’ora, con un minimo di due ore di affitto, e il fake friend arriverà per renderà una festa più divertente o per aiutarvi a fare ingelosire un ex.

Ma il Giappone non è l’unico ad aver attivato un servizio del genere perché, infatti, ne esistono molti altri simili. Esempio lampante è Rentafriend, dove, inserendo la propria localizzazione si possono cercare persone da affittare nelle vicinanze disponibili ad accompagnarci a fare shopping, a fare false foto o anche solo chiacchierare come amici di penna. Il sito è attivo in tutto il mondo è anche in Italia si trovano centinaia di proposte. Una cosa che appena la leggi fa anche un po’ sorridere ma poi ti lascia con l’amaro in bocca. Le persone invece di uscire e divertirsi davvero, creare relazioni che siano reali, scontrarsi con affetti sinceri, preferiscono passare il tempo ad inventare una vita che non esiste. Ormai la felicità si quantifica con i post giornalieri e se sei contento devi dimostrarlo prima agli amici virtuali, che più sono meglio è, che a te stesso.

Una ricerca ha scoperto che in realtà passare troppo tempo sui social fa aumentare il rischio di sentirsi isolati, dunque la soluzione giusta sarebbe spegnere tutto e mettere la testa fuori eppure il mercato richiede la creazione di siti che permettano di affittare gente che finga di volerti bene. Tutto ciò per far vedere agli altri che siamo circondati da amici, per mettere nero su bianco di fronte ai nostri follower che trascorriamo il tempo con chi ci ama. Ma alla fine, dopo migliaia di mi piace, quando si spegne lo schermo si è sempre più soli.

Oriana Melchiorre

Precedente "Bad boy", un romanzo d'amore, ma con qualcosa in più! Successivo Downsizing, il nuovo film con Matt Damon – Dimensioni ridotte per vivere alla grande