The last Kingdom: tra storia e fantasia

Weekend di pioggia: rimandiamo quella gita al lago che avevamo programmato da settimane. Abbiamo già guardato tutte le serie tv della nostra lista su Netflix ma, forse, questa ci era sfuggita. The last Kingdom potrebbe essere la soluzione che fa al caso nostro, in particolare se, anche voi come me, siete appassionati di serie tv storiche. Ecco perché dovreste guardarla.

Basato sulla serie romanzi scritti da Bernard Cornwell, Le storie dei re sassoni, il protagonista di queste avventure è Uhtred, figlio di un nobile sassone ma cresciuto dai vichinghi. Siamo nell’Inghilterra del IX secolo,  divisa  in regni e dilaniata dalle continue incursioni degli uomini del nord. Serie tv britannica prodotta dalla BBC , sbarca sugli schermi televisivi nell’ottobre del 2015 ed approda in Italia nell’autunno 2016, sulla piattaforma a pagamento Mediaset premium. Oggi la prima stagione è disponibile su Netflix, con un totale di 10 episodi, a cui a breve seguirà la seconda (comunque già disponibile in streaming) di 8 episodi , della durata di 45-55 minuti. La bella notizia è che avremo anche una terza stagione, in arrivo in questo 2018.

Interpretato dall’attore tedesco Alexander Dreymon, il personaggio di Uhtred è uno spirito libero che insegue il suo destino: dapprima cercando di vendicare la morte della sua famiglia adottiva cui era molto legato, per poi progettare di riprendersi la sua terra natia nel regno della Northumbria, ovvero Bebbanburgh, che viene tenuta sotto scacco da suo zio, che non lo ha mai accettato come legittimo erede. Il personaggio di Uhtred è sicuramente intrigante, in quanto costantemente in bilico tra due culture,  quella sassone e quella di adozione, ovvero quella vichinga. Il suo ruolo in questa storia è quella di guerriero, infatti giura fedeltà al re del Wessex, conosciuto storicamente con il nome di “Alfred the great” grande re anglo-sassone con il sogno di unificare l’Inghilterra sotto il cristianesimo.

È quindi interessante vedere lo stesso conflitto interiore che combatte Uhtred , che oscilla sempre tra seguire il fratello “acquisito”, il giovane Ragnar, o combattere per riconquistare ciò che è suo per diritto di nascita. Tra una battaglia e l’altra, viene lasciato lo spazio anche all’amore e all’amicizia, nonché al valore della fratellanza: nonostante sia nato sassone, Uhtred è molto legato alla famiglia vichinga con cui è cresciuto, nonché a suo fratello Ragnar che, quando il fato è favorevole, decide di far incontrare.

Questa serie tv funziona ed emoziona, in quanto combina storia con fantasia, fatti realmente accaduti e personaggi storici con elementi puramente romanzati. Molto è stato scritto su questa serie tv, infatti anche gradi testate internazionali hanno espresso le loro opinioni a riguardo:

 The Guardian : “si tratta di un tempo reale e un luogo reale, alcuni di questi tizi irsuti sono realmente esistiti e, cosa più importante, provocano emozioni”.

Entertainment Weekly : “le alleanze mutevoli e i motivi imprevedibili mantengono questo spettacolo convincente”

Perciò appassionati di serie tv e binge-watchers seriali siete avvisati: questa serie vi coinvolgerà totalmente, in quanto la sua trama ben costruita è in grado di far immergere completamente lo spettatore nelle sue vicende. Non resta altro che mettersi comodi ed intraprendere questo bellissimo viaggio.

 

Melania Rinaldi

Precedente "Le vite potenziali", recensione del romanzo di Francesco Targhetta. Successivo Tips & tricks: le 12 tipologie di capelli e come trattarli.