“The Young Victoria”: Donna, regina, moglie.

The Young Victoria è un dramma biografico del 2009, diretto da Jean-Marc Vallée e interpretato da Emily Blunt, Rupert Friend, Mark Strong, Paul Bettany e Miranda Richardson. La pellicola narra la vita della regina Vittoria (Emily Blunt): dall’infanzia all’incoronazione, soffermandosi in particolare sul suo primo anno da regnante, fino alla nascita della primogenita. Vittoria viene spesso ostacolata dalle ingerenze di Sir John Conroy (Mark Strong) e da chi la vede troppo giovane e inesperta per regnare. Trascorre dei periodi difficili, in cui sente il peso della sua posizione, fino al momento in cui conosce Alberto di Sassonia (Rupert Friend).  Questi diventerà presto il suo fedele compagno e amatissimo marito.

 Victoria: Non occorre che tu mi accompagni.

Albert: Ho detto che verrò con te, perciò verrò con te.

Vallée si concentra su un breve squarcio della biografia di Vittoria (quello più appetibile per il grande pubblico) e mescola fatti storici, accadimenti reali e intimità, in un accurato e raffinato affresco.

Albert: Santo cielo, sorridi donna, o penseranno che abbiamo bisticciato.

Victoria: Non mi parlare.

CURIOSITÁ: Vittoria e Alberto, a differenza della quasi totalità delle coppie nobili dell’epoca, si amavano davvero, e pazzamente. Quando Alberto morì prematuramente, di febbre tifoide, Vittoria si ritirò quasi totalmente dalla vita pubblica. Si dice che facesse preparare tutti i giorni i vestiti del marito, come se lui fosse ancora vivo. Da Alberto Vittoria ebbe nove figli e la famiglia stabile di cui aveva bisogno. Il loro era un rapporto di passione, intelletto, psiche, piacere, sostegno, supporto, in sintesi era amore. La regina definì la prima notte trascorsa col marito come “gratificante e sbalorditiva al massimo”.

Tra i produttori della pellicola c’è il regista Martin Scorsese e Sarah Fergunson, ex moglie di Andrea, duca di York, secondogenito della regina Elisabetta II. Il film ha ricevuto tre nomination agli Oscar vincendo una statuetta per i migliori costumi (a Sandy Powell); Emily Blunt è stata nominata ai Golden Globe come miglior attrice drammatica. L’abito che Vittoria indossa per il suo primo incontro con il consiglio è una copia fedele del vestito che la Regina Vittoria indossava in quell’occasione. L’abito è stato esposto a Kensington Palace come parte della mostra “Victoria Revealed“. I costumi indossati da Emily Blunt sono stati assicurati per 10.000£ ciascuno. Molte delle scene in interni sono state girate presso Belvoir Castle nel Leicestershire. La scena in cui Alberto difende la Regina Vittoria da un tentativo di assassinio si basa su un vero e proprio attentato che ha avuto luogo il 10 giugno 1840. Edward Oxford, un barista disoccupato, ha sparato con due pistole verso la carrozza della regina mentre lei e Alberto transitavano lungo Constitution Hill vicino a Buckingham Palace. Il film tuttavia contiene significative modifiche rispetto ai fatti reali. Le musiche originali del film sono del compositore inglese Ilan Eshkeri.

ERRORI: Più che parlare di errori potremmo dire che si è volutamente dato al film un tocco romance con l’intento di renderlo più fruibile a una platea eterogenea. L’unica imprecisione è la data della morte di re Guglielmo IV, deceduto la mattina del 20 giugno 1837, mentre il film riporta la data del 18 giugno. Altra nota di relativo rilievo è il fatto che il principe Alberto non rimase ferito nell’attentato alla regina, come mostrato nel film. Lo sceneggiatore Julian Fellowes, in un’intervista alla BBC, ha affermato di aver aggiunto questo evento per sottolineare la devozione del principe nei confronti della moglie. Difatti, sebbene nella realtà non fosse stato ferito, il principe Alberto si pose davvero a difesa della moglie, mentre le venivano sparati contro due colpi di pistola.

The Young Victoria ritrae non solo l’ascesa di una giovane al trono, ma anche una dolce e delicata storia d’amore. Una favola realmente accaduta.

 

Giulia Ponzin 

Precedente Al teatro ipogeo di Sforzatica S.Maria in Dalmine va in scena il 27 gennaio "La Locandiera", tratta dall'opera di Carlo Goldoni. Successivo "Prendas", una scoperta di tesori antichi raccolta in un libro.