“Troy: Fall of a City”, quando Omero viene Narrato da una Serie Tv

«Cantami, o Diva, del pelide Achille
l’ira funesta che infiniti addusse
lutti agli Achei, molte anzi tempo all’Orco
generose travolse alme d’eroi,
e di cani e d’augelli orrido pasto
lor salme abbandonò (così di Giove
l’alto consiglio s’adempìa), da quando
primamente disgiunse aspra contesa
il re de’ prodi Atride e il divo Achille. »

No, non vogliamo farvi rispolverare i libri di Epica con questa citazione, ma annunciarvi semplicemente l’inizio di una serie Tv ispirato niente meno che all’Illiade, il poema epico attribuito ad Omero che narra gli ultimi giorni della guerra di Troia: il poema è articolato in 24 libri mentre alla BBC sono bastati 8 episodi per riassumere la presa della città da parte degli Achei che vogliono vendicare il rapimento di Elena, moglie del re spartano Melenao, compiuto dal principe troiano Paride.

Si tratta di una co-produzione tra l’emittente BBC One e Netflix  riguardo alla quale il produttore della BBC Drama, Piers Wenger, ha affermato che “Si tratta di qualcosa mai visto prima in sul piccolo schermo: un racconto vecchio di 3000 anni che viene diffuso su ampia scala”. Il primo episodio è andato in onda il 17 Febbraio scorso e la storia segue il punto di vista della famiglia reale troiana, il cui membro più giovane, Paride (Louis Hunter) diventa involontariamente la causa che porterà alla disfatta della sua città. Involontariamente perché mosso dalle divinità a scegliere un premio dopo averle aiutate nel porre fine a una contesa (la famosa mela della discordia vi dice nulla?): egli opta per avere la donna più bella del mondo, senza sapere che questa è Elena (Bella Dayne), già moglie di Melenao. Dietro a ogni azione e decisione che deriverà da tale scelta si cela dunque la volontà divina che, fino alla fine dei combattimenti, ha in mano il fato di ogni personaggio coinvolto nella scontro: tra questi, troviamo il valoroso Achille (David Gyasi), dal carattere forte e dalle formidabili abilità nell’arte della guerra; il re Troiano Priamo (David Threlfall), che ha a cuore sia il destino della sua città che l’onore della sua famiglia; e ancora, Ettore, Patroclo, Agamennone, Ulisse, e tanti altri entrati nella storia per aver contribuito a rendere l’Illiade uno dei più famosi e immortali poemi di sempre.

La serie è stata girata a Cape Town (Sud Africa) ed è stata scritta da David Farr (The Night Manager) e diretta da Owen Harris: Farr ha dichiarato a proposito di questo suo ultimo lavoro: “La storia di Ilio, l’antica città di Troia, mi ha sempre incuriosito. Questo progetto cercherà di evidenziare, in tutta la sua ricchezza emotiva, gli effetti della guerra, e il prezzo pagato da una città e una famiglia a causa degli orrori dell’assedio. Anche se l’Iliade è una delle più antiche storie europee, non potrebbe essere più tristemente attuale”

Charlotte Moore, direttrice del canale BBC1, ha descritto la serie come: “Emozionante e intima. Troy: Fall of a City contiene molte tematiche: l’esistenza umana, l’eroismo, l’orrore. Le persone combattono per riconquistare la loro umanità e la loro compassione nel mezzo del caos e della devastazione di una guerra. La passione, il dolore e la perdita dei personaggi sono descritti con una ricca psicologia e dramma umano”. Il progetto è ambizioso e, secondo le premesse, si focalizzerà principalmente sul carattere dei personaggi, anche se i produttori assicurano che non mancheranno i colpi di scena attraverso i quali sperano di soddisfare le loro aspettative di dar vita a una vicenda narrata in molti versi in maniera dignitosa e coinvolgente.

Una scelta interessante dunque quella di mettere in primo piano le relazioni umani rispetto agli avvenimenti, vista la molta azione presenta nel poema, ma siamo sicuri che nonostante ciò si tratterà di una produzione quanto meno capace di “svecchiare” il leggendario Omero e di dar voce a una delle storie antiche più belle e complete di sempre. Chissà che dopo averla vista non vi venga voglia di rispolverare davvero i libri di Epica per soddisfare alcune curiosità a riguardo…

 

Angelica Corà

Precedente "La città incantata", tra simbologia e magia. Successivo Weekend fuoriporta, istruzioni per l'uso: cosa metto nello zaino?