Un capo senza tempo: i jeans. Ecco alcuni consigli su come indossarli!

La comodità e la versatilità sono le due caratteristiche che hanno reso i jeans un evergreen. Da quel 20 maggio 1873 californiano, in cui Levi Strauss depositò il brevetto per la creazione di blue jeans con rivetti in rame, ne è passata di acqua sotto i ponti, e i jeans da capo di abbigliamento da lavoro hanno preso prepotentemente possesso dei guardaroba di tutto il mondo. Non c’è stagione in cui il denim non abbia calcato le passerelle, rinnovandosi e reinventandosi sotto nuove forme e sfumature di colore. Skinny, boyfriend, con ricami e applicazioni o a zampa: ce ne sono davvero per tutti i gusti. Ma sappiamo scegliere quello più adatto al nostro fisico? Perché si sa, a volte ciò che in vetrina o sulla stampella ci piace da impazzire, una volta indossato sembra non avere lo stesso effetto. E allora, per evitarvi di provare tutto ciò che c’è in negozio, prima di trovare il modello che fa per voi, eccovi qualche consiglio. Se la “pancetta” è il vostro punto debole, nessun dramma! I modelli che fanno per voi sono quelli a vita alta: metteranno in risalto il vostro punto vita, evitando l’effetto muffin top (ossia le maniglie dell’amore che fuoriescono prepotentemente dai pantaloni), come invece accade con i jeans a vita bassa. La vita alta, inoltre, è l’ideale per quelle donne che hanno fianchi poco marcati, poiché modella la silhouette rendendo decisamente più femminili.

Nel caso in cui abbiate un sedere piatto sarà meglio puntare su modelli a vita bassa, arricchiti magari da tasche o scoloriti proprio sulle natiche o nell’interno coscia: questi piccoli accorgimenti aiuteranno a dare l’effetto di un fondoschiena più tondo e pieno. Al contrario, ovviamente, jeans del genere sono senza dubbio da evitare per chi ha il lato B pronunciato e non vuole enfatizzarlo. Per quanto riguarda i modelli: i jeans stretti in fondo, tornati direttamente dagli anni ’80 e in voga da almeno un decennio, sembrano essere i più versatili, adattabili a quasi ogni tipo di fisico. Tuttavia, da qualche stagione sono di nuovo in auge anche modelli più larghi; uno di questi è il mom jeans. A vita alta e dal taglio dritto, ma leggermente più stretti in fondo, questo tipo di jeans tende a enfatizzare i fianchi e perciò è consigliato ha chi non abbonda sotto questo aspetto. Larghi, a vita bassa e con il cavallo basso sono invece i boyfriend jeans, altro modello, ispirato alla moda maschile, di grande tendenza. Essendo larghi e a vita bassa questi jeans non donano a chi ha gambe corte. Il consiglio per voi è di puntare su jeans lunghi evitando i modelli Capri o alla caviglia, e perché no, di slanciare ulteriormente la figura con un bel paio di tacchi.

Giulia Mastropietro

 

Precedente Ricette autunnali: la vellutata di zucca Successivo «Non si è poi nati tutti per fare gli eroi», la recensione de "Il deserto dei tartari", il capolavoro di Dino Buzzati.